4 esperimenti da fare ( o forse no ) con il canonical

4 esperimenti da fare ( o forse no ) con il canonical

Da quando lavoro come SEO a Milano, uno dei punti con cui le aziende fanno più fatica è l’utilizzo del canonical, a volte viene utilizzato bene, altre meno e viene abusato, insomma alle realtà di digital online, non sembra per niente chiaro come utilizzare questo tag.

Poiché nel panorama SEO italiano non esistono grandi guide sui canonical, ho deciso di mettere insieme un po’ di domande su quello che si potrebbe fare e non fare con il canonical. Sinceramente la maggior parte di questi utilizzi sono un po’ estremi e non sempre si possono testare veramente, tuttavia possono essere utili per capire come utilizzare questo tag e come Google lo interpreta.

1. Sindacazione tra domini

La prima esperienza che vorrei condividere è l’utilizzo con un uso cross-domain del tag canonical. Lo scopo di questo test è legittimo. Dal momento che il mio blog personale è relativamente nuovo, e ho sentito che il post era più personale che aziendale, vorrei che ricevesse credito per essere la fonte dell’articolo.
Ovviamente, il mio blog aziendale essendo un po’ più vecchio e più forte su molte metriche, volevo capire se il tag canonico tra domini poteva sovrascrivere tutti gli altri segnali suggerendo che il blog della mia azienda fosse in realtà più autorevole?


La risposta breve è: “Sì”. Ho pubblicato il post quasi contemporaneamente su entrambi i blog il 10 Giugno. Il giorno successivo, Google ha iniziato a indicizzare il titolo del post dalle home page (le 2 home page sono apparse entrambe nelle SERP). Il 12 Giugno, l’intero post è stato indicizzato e posizionato solo su Google (per il titolo del post) e il motore di ricerca non sembrava avere problemi con il canonical da un dominio più forte a un dominio più debole.

2. Canonico nel tag <BODY>

Una paura comune dell’uso tra domini del canonical è come potrebbe essere usato. Ovviamente, chiunque può hackerare un server, ma cosa succede se il tuo sito consente agli utenti di creare contenuti e qualcuno inserisce semplicemente un tag canonical al centro della pagina?


Per provarlo, ho inserito un tag canonical proprio prima del tag di chiusura. Ho fatto riferimento a una pagina sullo stesso dominio, supponendo che Google avesse maggiori probabilità di elaborare il canonical interno rispetto a un dominio incrociato. Il tag fuori posto sembrava non avere alcun effetto: ho apportato la modifica il 9 Giugno e la pagina è stata nuovamente memorizzata nella cache il 14 Giugno e il 18 Giugno senza alcun impatto sulle SERP.

Giunti a questo punto, una domanda sorge spontanea: Google dovrebbe fidarsi di rel = canonical se lo vede nel corpo dell’HTML? La risposta è no, perché alcuni siti Web consentono alle persone di modificare contenuti o HTML nelle pagine del sito. Se Google si fidasse di rel = canonical nel corpo HTML, vedremmo molti più attacchi in cui le persone rilasciano un rel = canonical su una parte di una pagina web per provare ad inviare il traffico altrove.

3. Canonical in un falso url

Rel-Canonical

Un altro test interessante sull’utilizzo del canonical che mi è venuto in mente è stato testare cosa accade se si inserisce un canonical in un url che non esiste. Ovviamente, non è una cosa che si fa di proposito, ma se, ad esempio, commettessi un errore grave nel tuo CMS, quanto si rivelerebbe dannoso per il tuo sito?


Ho introdotto il canonical su una pagina diversa il 5 Giugno. Quello che è successo dopo è che è stato nuovamente memorizzato nella cache i giorni successivi ma non ha avuto alcun impatto apparente.
Ad esempio, se pensiamo che per un errore madornale punti il canonical verso una pagina inesistente (puntando un rel = canonical verso una pagina in 404) google dice “ci riserviamo il diritto di non usare l’URL di destinazione specificato con rel = canonical .

La lezione qui è piuttosto semplice: la versione canonica della pagina deve effettivamente esistere. Anche se questo può sembrare ovvio in apparenza, l’idea ha una certa logica, ma in pratica va completamente contro lo scopo del tag canonico.

4. Social Media

Ok questo non è proprio un esperimento con il canonical ma avevo appena menzionato un post sulla seo sui social e qualcosa era chiaramente fuori posto.

Mi sono reso conto rapidamente che i numeri che venivano mostrati sulla pagina erano quelli della versione canonica della pagina. Gli script di Facebook e Twitter stavano effettivamente tenendo in considerazione il tag canonical.

Nelle due settimane successive, Facebook sembra non riportare più numeri dalla versione canonica, ma i conteggi di Tweet corrispondono ancora al post a cui punta il tag canonico. Non sono del tutto sicuro ma è uno spunto di riflessione: la canonicalizzazione potrebbe avere un impatto maggiore di quanto si possa pensare rispetto alla SEO.

Conclusioni

Queste conclusioni ci fanno capire sostanzialmente quanto Google prenda seriamente in considerazione il tag canonical e quanto non dovrebbe essere sottovalutato in molti siti web. Se non avete esperienza con il canonical sconsiglio di provare a replicare esperimenti su questo tag.

Giulio Stella – gstarseo.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Up Next:

Plugin Wordpress per programmare la ripubblicazione

Plugin Wordpress per programmare la ripubblicazione