10 consigli per creare un Fashion Blog di successo

10 consigli per creare un Fashion Blog di successo
Freia

Sono migliaia i fashion blog in Italia e all’estero, ma solo 100 entrano nella classifica trimestrale dei 100 fashion blog più seguiti di Les Cahiers Fashion Marketing e pochissimi riescono a diventare fashion blog di successo, vedi alla voce The Blonde Salad di Chiara Ferragni.

Ecco allora 10 consigli utili per creare un fashion blog di successo, perché nella moda la fantasia è tutto, ma anche la tecnica conta.

1. La piattaforma. Scegliere un CMS gratuito SEO-friendly come WordPress consente personalizzazioni illimitate e offre la possibilità di caricare i contenuti in modo intuitivo e veloce.

2. La grafica. Deve essere pulita e semplice, in quanto a parlare devono essere le immagini e i racconti. Su WordPress è possibile scegliere tra tanti temi gratuiti. Su ThemeForest si possono acquistare tanti temi a pagamento e personalizzabili (fino a 55 dollari), ma se sei alle prime armi meglio contattare una agenzia web che sappia seguirti passo passo e aiutarti a scegliere la grafica migliore.

3. Piano editoriale. Concediti un giorno di tempo per buttare giù un insieme confuso dei temi che vorresti trattare (bellezza, tendenze, shopping list, vintage, accessori, etc.), digerisci e poi concediti un altro giorno per stilare una lista precisa di quelle che saranno le tue categorie. Inizia da qui a sviluppare le idee per i tuoi post!

4. Calendarizza. Per avere un fashion blog di successo non è sufficiente essere creativi e saper accostare abiti e accessori in modo originale. Costanza, perseveranza, precisione devono essere la regola. Decidi quanti post pubblicare alla settimana (2, 3, 5, 7) e poi attieniti alla tua scaletta. Più aggiornerai il tuo blog e più visite riceverai.

5. I contenuti. Contenuti originali premiano! Cerca uno stile personale, a metà tra diario e magazine, dovrai raccontare di te e delle tue opinioni in fatto di moda, commentare collezioni e creare outfit, ma anche dare informazioni utili alle tue lettrici, tutorial e tips sono molto amati!

6. Le immagini. Foto e immagini hanno un ruolo di primo piano in qualsiasi fashion blog di successo. Per cui via libera ai selfie con lo smartphone, ma senza strafare. Coinvolgi quell’amico con la macchina digitale per realizzare qualche foto di qualità più alta o contatta uno studio fotografico per le tue immagini di copertina e uno shooting professionale.

7. Collabora. Contatta quante più case di moda, designer e boutique per partecipare a sfilate di moda o altri eventi offline Più cose farai accadere nella vita reale e più materiale avrai da raccontare!

8. Commenta. C’è un unico modo per farti conoscere nella community della fashion addicted… Seguire gli altri fashion blog e commentare abitualmente i post delle tue colleghe. Alcuni ti piaceranno, alcuni meno, altri ancora ti daranno delle utili idee sui prossimi post da scrivere. Commenta sempre in modo gentile e lascia il link al tuo fashion blog in calce al commento. Visite assicurate!

9. Social. I social network più efficaci per un fashion blog sono senza dubbio Facebook e Instagram. Apri i tuoi profili e soprattutto tienili aggiornati, postando gli ultimi articoli del tuo blog e linkando i contenuti più interessanti dei principali magazine online. Stai facendo una passeggiata a Venezia, hai un appuntamento di lavoro a Padova, stai partendo per le tue vacanze a Ibiza? Cogli l’occasione per fotografare tutto ciò che vedi di fashion e postarlo nei tuoi canali social.

10. Concorri. Sono davvero tanti i contest online dedicati alle fashion blogger. Trova quello più adatto a te e mettiti alla prova. Lo scopo non è vincere, ma dare un po’ di visibilità in più al tuo blog e creare relazioni!

Autore dell’articolo: Neroavorio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

jquery-popunder-script
Up Next:

Script jQuery popunder: ecco come realizzarlo

Script jQuery popunder: ecco come realizzarlo